Tataki di tonno con verdure saltate

Condividi questa ricetta

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Il tonno è uno dei pesci più versatili e con il quale si possono creare piatti che metteranno alla prova i palati più squisiti. Oggi ti mostriamo una delle ricette di tonno più deliziose: il tataki di tonno. Qual è il segreto di questa tecnica di cucina giapponese?

Il tataki è una tecnica di cottura che consiste nello scottare una porzione di pesce o di carne in padella per circa 30 secondi e con a fuoco molto alto . Con questa tecnica otteniamo la consistenza e la cottura che vogliamo: ben scottato all’esterno e crudo all’interno.

Il tataki viene spesso servito con una gustosa salsa di soia e teriyaki. Idealmente, la porzione di tonno da scottare dovrebbe essere lunga 170 mm e spessa 41 mm come il lingotto di tonno pinna gialla marinato congelato Koldfin.

Ti spieghiamo come prepararlo in 4 passi.

Ingredienti ( 4 pax)

  • 2 confezione di lingotto di tonno a pinne gialle marinati congelati Koldfin
  • 6 zucchine piccole
  • 6 carote piccole
  • 3 foglie di lattuga
  • 5 g di mostarda 
  • 20 ml di aceto
  • 100 ml di olio extra vergine di oliva 
  • 150 ml di salsa teriyaki
  • 150 g di zucchero
  • 150 ml di salsa di soia
  • sale
  • Dificultad Bassa
Paso 1

Passo a passo 1/4

Riscalda una pentola con acqua e sale e portala a ebollizione. Nel frattempo, prepara la salsa. In una padella, aggiungi in parti uguali la salsa di soia e lo zucchero. Lascia ridurre a fuoco medio/basso.

Paso 2

Passo a passo 2/4

Sbollenta per un minuto le verdure per dare loro consistenza.

Paso 3

Passo a passo 3/4

Mescola in una ciotola tutti gli ingredienti con l’aceto e condisci le foglie di lattuga. Metti da parte.

Paso 4

Passo a passo 4/4

Per realizzare il tataki, riscalda bene la padella con un filo di olio di oliva e scotta il tonno per 30 secondi su ciascun lato, a piacere. Non resta che tagliare e servire.

Ricetta sana e adatta a principianti.

Il modo in cui viene cotto il tataki permette al calore di non ossidarne le proprietà. Alcuni esperti sostengono che questo possa essere uno dei motivi che fanno della cultura giapponese una delle più longeve.